vino

Vino

mi rintano nel tuo mondo
onirico e sognante.
Sfuggo la realtà
fatta di gemiti e sospiri.
Mentre tu,
amico fedele,
lenisci le mie ferite
e mi rendi ebbro,
or che scrivo versi stolti,
figli di un sogno infame.
Ahi quanto vorrei
condurre un’equa vita,
abitudinaria e retta.
La ragione m’induce, sai,
a simili stoltezze,
ma la tua dolce mano
mi conduce,
ogni notte,
per le notti,
a vagar
tr’armoniosi prati
sospinti dal vento
sorretti dal sogno.
E la mattina
maledico te,
ma la notte
t’incontro,
ancora una volta,
come ogni volta.
E ti maledico,
mentre bacio il bicchiere.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.